The Crew 2, il gioco dedicato alle corse su 2 e 4 ruote (ma non solo), torna alla grande con il secondo capitolo e lo fa modificando il modo di porsi, con maggiore attenzione al mondo dei social network. Infatti, propone un modello che rende il giocatore più prestigioso al crescere dei suoi seguaci, che a loro volta si iscrivono al profilo completando le gare (che restano il fulcro del gioco) con ottimi piazzamenti o facendo evoluzioni pazzesche.

Man mano che si procede con The Crew 2 e si aumenta la propria popolarità si sbloccano sfide sempre più impegnative, con la possibilità di scalare la classifica degli Youtuber di coloro che fanno numeri pazzeschi a bordo dei veicoli. Le vittorie regalano anche delle somme di denaro che consentono l’acquisto o l’ammodernamento dei veicoli, oltre a poter fare i classici ritocchi estetici a cerchi e carrozzeria si può intervenire per aumentare le prestazioni del mezzo. Ciò è possibile lavorando sulla centralina, sugli scarichi, sui pneumatici e quant’altro.

crew 2 ajpg

Giocabilità e veicoli utilizzabili:

The Crew 2 si basa sulla presenza di una mappa che riporta per intero gli stati Uniti d’America, dividendoli in 4 diverse aree e permettendo di muoversi ad esempio da New York verso Los Angeles.

Per quanto attiene alle meccaniche di gioco The Crew 2 propone 4 tipologie di competizioni, che a loro volta presentano delle sottocategorie. Si parte dalle corse sull’autostrada con hypecar, poi ci sono i duelli su strade cittadine, comprendendo il drift e le gare di drag. Molto interessante la categoria Pro, dove ci sono delle monoposto a ruote scoperte e prototipi della GT da guidare in prevalenza nei circuiti, anche se si possono arrivare a guidare perfino mezzi atipici come gli aerei e i motoscafi. Infine, c’è il freestyle, dove è possibile cimentarsi nella guida con mezzi speciali come i monstertruck, le moto da cross e tanti atri.

Insomma il parco mezzi risulta davvero molto ampio, comprendendo gli aerei, che hanno una guidabilità godibile e con la telecamera che ne segue bene tutte le manovre, anche quelle più acrobatiche. Mentre per quanto riguarda i mezzi acquatici, fanno risultare le corse difficili perché ad ogni minimo errore nella gestione dell’acceleratore e del freno si perde parecchio terreno rispetto agli avversari. Passando alle gare con le automobili, la loro massa è piuttosto manovrabile nonostante l’elevata velocità, anche se in alcuni casi risultano troppo incollate all’asfalto, rendendo l’uso del freno davvero necessario solo per le curve più complesse. Per primeggiare è importante dosare bene il turbo, che ha bisogno di tempo per ricaricarsi, inoltre sta nella bravura del giocatore trovare quelle piccole scorciatoie, legali e presenti nei vari tracciati, che consentono di arrivare davanti alla concorrenza.

Gli aspetti grafici di The Crew 2:

In riferimento al comparto grafico, la mappa proposta è immensa, ma a volte le strade utili ad attraversarla sono ripetitive e mancano dei punti di riferimento precisi in grado di far comprendere dove ci si trova. Le città risultano invece ben definite e rendono piacevole il loro attraversamento. Per i modelli dei veicoli alcuni risultano realizzati con una cura alquanto meticolosa, altre invece peccano in questo senso e risultano piatte. Gli effetti climatici sono molto suggestivi, il passaggio dalla notte al giorno e viceversa è spettacolare, così come il cambio delle condizioni meteo, che il giocatore ha facoltà di affidare al caso o scegliere in base alla propria volontà.

Conclusioni: pregi e difetti:

Fra i pregi di The Crew 2 spicca indubbiamente l’ampia gamma dei veicoli a disposizione, così come la possibilità di svolgere tante diverse attività, cosa che tiene impegnati i giocatori per tante ore. La colonna sonora è di buona fattura, con pezzi indie e altri generi sempre inerenti al tipo di gara che si sta affrontando. Restando sul sound si notano alcune pecche sul rombo dei motori, che appare poco realistico. La varietà dei percorsi è buona, infatti oltre ai classici circuiti all’aperto si segnalano anche quelli al chiuso. Bene anche la velocità di gioco, capace di trasmettere adrenalina e tenere il player sempre attivo e coinvolto. Gli aspetti grafici seppur buoni non convincono del tutto e il modello di guida in alcune circostanze appare un po’ semplificato, lasciando poco spazio ai dettagli.

In ogni caso, aldilà di alcune cose migliorabili, The Crew 2 risulta un titolo arcade di qualità, con tanti mezzi a disposizione e la possibilità di migliorarli costantemente, inoltre il gusto dell’avventura non manca e quindi gli amanti della velocità saranno ben felici di misurarsi nelle sfide proposte. Voto: 7

Articoli simili
Latest Posts from AleCovaBlog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.